NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Vigilanza alunni e Regolamento di Disciplina

 

Sì ripropone quanto già  comunicato con nota del 13 marzo 2015.

 

I frequenti e intollerabili episodi che stanno avvenendo a scuola, dalla trasgressione delle comuni regole di convivenza sociale agli episodi più gravi di violenza e bullismo, impongono una riflessione molto seria e una presa in carico di tali problematiche per la prevenzione di tale fenomeno da parte di tutti gli operatori scolastici.

“La scuola, infatti, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare di un fenomeno di caduta progressiva sia della cultura dell’osservanza delle regole sia della consapevolezza che la libertà personale si realizza nel rispetto degli altrui diritti e nell’adempimento dei propri doveri.

Il compito della scuola, pertanto, è quello di far acquisire non solo competenze, ma anche valori da trasmettere per formare cittadini che abbiano senso di identità, appartenenza e responsabilità.

Al raggiungimento di tale obiettivo è chiamata l’autonomia scolastica, che consente alle singole istituzioni scolastiche di programmare e condividere con gli studenti, con le famiglie, con le altre componenti scolastiche e le istituzioni del territorio, il percorso educativo da seguire per la crescita umana e civile dei giovani”. (D.P.R. n. 235 del 21 novembre 2007).

Non possono essere più tollerabili episodi di trasgressione da parte degli studenti, pertanto si raccomanda ai docenti di prestare la massima attenzione nella vigilanza per far sì che gli alunni e le alunne osservino le più elementari norme di convivenza e di rispetto verso i compagni. É compito degli operatori scolastici la vigilanza, in particolare durante la ricreazione e/o in altri momenti particolarmente a rischio, come il cambio dell'ora o durante gli spostamenti interni. Ad ogni buon conto, a far data da oggi, venerdì 13 marzo 2015, la ricreazione sarà svolta in classe sotto la diretta sorveglianza del docente della 3^ ora. Lo stesso docente consentirà agli studenti di andare in bagno uno per volta. Si dovrà evitare il più possibile di mandare in bagno gruppetti di alunni durante le ore di lezione. I collaboratori scolastici avranno cura di vigilare l'accesso ai servizi igienici e di controllare che sia poi tutto in ordine.

Nel ricordare a tutto il personale che “il sistema scuola” è davvero una comunità educante quando tutte le componenti ispirano i propri comportamenti al rispetto delle norme, al rispetto reciproco, al senso di responsabilità e a garanzia delle attività scolastiche, tutto il personale, per quanto di competenza, è tenuto al rigoroso rispetto del Regolamento interno, a cominciare dall'uso non consentito del cellulare sia da parte del personale che degli studenti. Qualora si verificassero episodi di utilizzo improprio di tale strumento, il docente presente, oltre a dover dare il buon esempio tenendo il suo cellulare spento, applicherà il Regolamento senza ricorrere al Dirigente scolastico o ai suoi collaboratori.

Per ogni altra infrazione si rimanda al Codice disciplinare che prevede precise sanzioni applicabili dal Consiglio di Classe. Si raccomanda dunque ai docenti coordinatori la massima attenzione a qualunque tipo di trasgressione. Si raccomanda, inoltre, la massima tempestiva comunicazione alle famiglie in casi di mancato profitto, assenze ripetute, comportamenti sanzionabili.

 

Si confida nella piena e consueta collaborazione.

 Il Dirigente scolastico

 dott.ssa Fiorella De Rossi

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (REGOLAMENTO VIGILANZA ALUNNI(1).pdf)REGOLAMENTO VIGILANZA ALUNNI(1).pdf 67 kB22