NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Lettera aperta del Dirigente Scolastico ai genitori/tutori

Logo_scuola

 

Lettera aperta ai genitori/tutori

Cari genitori,
a conclusione di un importante progetto a cui la nostra scuola ha aderito, mi corre l'obbligo di sottolineare quanto la vostra presenza, necessaria e gradita, fosse importante.
In data 2 maggio u.s. il nostro istituto ha ospitato l'iniziativa "Giro dell'Italia: Centro mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo e cyberbullismo", la nuova campagna che il MOIGE, con il contribuito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il patrocinio di Anci e della Polizia di Stato, promuove nelle scuole primarie e secondarie di I e II grado del territorio nazionale contro i pericoli rappresentati dal cyberbullismo.
L'incontro di formazione e informazione era rivolto, oltre che agli studenti dell'istituto, anche e soprattutto alle famiglie che avrebbero potuto, con il supporto delle psicologhe, usufruire di momenti di ascolto e di consulenza gratuita riguardo alle problematiche eventualmente incontrate dai propri figli, dentro e fuori la scuola. 

Purtroppo si è registrata da parte vostra una scarsa partecipazione, nonostante la tematica trattata fosse importante e sentita da molti di voi, prova ne sono le continue segnalazioni che sia io che il corpo docente riceviamo frequentemente proprio da voi genitori.
Quale occasione migliore di quella che vi è stata offerta? Avremmo potuto, tutti insieme, confrontarci su un problema purtroppo sempre più presente tra i giovani. Avremmo potuto, tutti insieme, collaborare per cercare possibili soluzioni e linee di intervento. Ha detto bene una delle poche mamme presenti "la scuola sta facendo molto e in molte occasioni gli interventi sono stati positivi e risolutivi...". Bene, mi fa piacere che ci venga riconosciuto il lavoro svolto, ma se veniamo lasciati soli il lavoro diventa di difficile gestione e le soluzioni potrebbero non essere a portata di mano. Spesso ci occupiamo anche di ciò che accade al di fuori dei nostri cancelli, spesso interveniamo anche in situazioni non strettamente collegate al mondo scolastico... eppure lo facciamo, nell'unico interesse dei ragazzi che però, prima di essere nostri studenti, sono i vostri figli.
Con ciò non intendo fare la morale a nessuno o a ciascuno di voi, ma da adulti dobbiamo prenderci ognuno le proprie responsabilità. La partecipazione dei genitori alla vita scolastica non si può esaurire nei colloqui con i docenti o nelle manifestazioni di fine anno, né tantomeno si può delegare alla scuola il proprio ruolo di educatori. La Scuola, dal canto suo, continuerà a prendersi "cura" dei ragazzi, con la speranza che occasioni come quella del 2 maggio non cadano nel vuoto. Concludo con l'augurio di una maggiore sinergia scuola-famiglia, affinché i vostri e i nostri ragazzi possano trovare in voi e in noi un punto di riferimento coeso.

Cordialmente.

Sezze, 08/05/2019

Il Dirigente Scolastico 

Dott.ssa Fiorella De Rossi

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter